Inserisci quello che stai cercando, noi ti aiuteremo a trovarlo.

Novità     Privati     Imprese    

Inbank, le novità dal 2 settembre. Token addio, viene sostituito dal Mobile OTP e diventa obbligatorio l’accesso a Inbank Web con lo strumento di sicurezza.

Molte le novità per il servizio di internet banking, che aggiorna strumenti e procedure alla normativa PSD2.

02 settembre 2019

Come già comunicato alla clientela, dal 2 settembre per i clienti ex Alta Vallagarina e dal 14 settembre per i clienti ex Lizzana non sarà più utilizzabile il token classico per confermare le transazioni su Inbank (login,pagamenti, ricariche, variazioni dati nell’area riservata, ecc.)

Per la clientela privata, il token viene sostituito in automatico con un nuovo strumento di sicurezza denominato Mobile OTP, che fa riferimento al numero di cellulare del cliente.
Il cliente riceverà sul proprio telefono un sms ogni qualvolta si renda necessario l’inserimento del codice OTP (one time password).
Il messaggio conterrà:

  • il codice OTP che va inserito per autorizzare l’operazione;
  • il riepilogo dei principali dati dell’operazione che si sta eseguendo.

In alternativa alla ricezione dell’sms è possibile scaricare l’app di sicurezza Notify e ricevere sull’app il codice OTP.
Entrambe le soluzioni, SMS o APP, sono totalmente gratuite. L’app Notify è però più funzionale e completa, comprende anche funzioni come il blocco della stazione o dei pagamenti, per cui invitiamo la clientela ad utilizzare preferibilmente l’applicazione.

Per la clientela business sono disponibili due opzioni: l’utilizzo dello strumento Mobile OTP, attivabile anche in multiutenza per i propri collaboratori o il nuovo Token Evoluto PSD2 compliant. Per i dettagli e le info sugli strumenti, invitiamo la clientela a contattare le nostre filiali o il nostro ufficio servizionline.

Altra importante novità che decorre dal 2 settembre è l’obbligo di utilizzo dello strumento di sicurezza all’accesso al servizio Inbank WEB. Ci riferiamo quindi agli accessi da pc o dal telefono con il browser, dove, in aggiunta alle proprie credenziali (userid e password) l’utente dovrà inserire il codice OTP generato dallo strumento di sicurezza.
L’accesso con l’APP Inbank non subisce modifiche. A tal proposito invitiamo i clienti che utilizzano l’APP ad attivare l’accesso con l’impronta digitale o con il PIN per semplificarne l’utilizzo.

Con l'inserimento di questo passaggio aggiuntivo in fase di accesso, viene meno la necessità di aggiornare la password di accesso. Pertanto a partire dal 1° ottobre, l’aggiornamento della password di accesso ogni tre mesi non sarà più obbligatorio.

Sarà inoltre possibile impostare password più lunghe di 8 caratteri, contenenti anche numeri e caratteri speciali. In caso di smarrimento della password, si ricorda che vi è la possibilità di effettuare l’autoreset cliccando sul link "Password Dimenticata?" presente nella pagina di accesso ad Inbank Web: nella successiva maschera "Recupero password", occorre inserire "codice utente", "codice fiscale" e "frase di sicurezza" (precedentemente impostata), dopodiché si riceve un SMS o una notifica su Notify contenente una password provvisoria, che deve essere sostituita al primo accesso sulla propria postazione Inbank.

A fronte di quanto appena descritto, se al servizio Inbank non risulta registrato alcun numero di cellulare del titolare, a partire dal 2 settembre il servizio sarà bloccato. Sarà quindi necessario contattare i nostri uffici per riattivare il servizio.
Invitiamo i clienti a verificare i propri recapiti del servizio Inbank nell’area dati personali su Inbank Web, aggiornando eventualmente i dati e le informazioni presenti.


In questa fase sono state apportate delle modifiche anche ad alcune funzioni di Inbank tra cui:

  • Minuti di inattività: come previsto dall'Articolo 4 del Regolamento Delegato (UE) 2018/389, che entrerà in vigore il 14 settembre 2019, i minuti di inattività della sessione Inbank saranno impostati a 5 non modificabili da parte dell'utente. Di conseguenza, nel caso che l'utente non interagisca con il servizio Inbank per più di 5 minuti, la sessione sarà terminata. A partire dal 4 minuto di inattività sarà proposto un messaggio pop-up all'utente per avvisarlo della disconnessione. Cliccando sul tasto "Continua" la durata della sessione sarà prolungata per altri 5 minuti. In questa fase iniziale saranno escluse dal controllo le funzioni "Gestione disposizioni" (Utenti Business) e gli Investimenti (Utenti trading on-line);
  • Bonifico singolo: il tasto "Sblocca dati del beneficiario" sarà sostituito dal tasto "Annulla selezione". In questo modo non sarà più possibile modificare i dati del beneficiario come, ad esempio, la coordinata IBAN durante l'invio della disposizione. Le eventuali modifiche ai dati anagrafici del beneficiario potranno essere effettuate solo tramite la funzione Contatti e comunicazioni -> Rubriche;


Riassumiamo quindi le principali novità che interessano il servizio di internet banking:

  • dal 2 settembre addio token e attivazione automatica del mobile OTP collegato al proprio cellulare (rif. Inbank Privati Base e Eco)
  • obbligo inserimento codice sicurezza all’accesso
  • dal 1° ottobre decade il vincolo di aggiornare la password ogni tre mesi
  • il vecchio token va conferito nei materiali elettronici ai centri raccolta differenziata o riconsegnato ai nostri sportelli
  • riduzione a 5 minuti il periodo di inattività.


Per assistenza e informazioni è possibile contattare le nostre filiali, l’Ufficio Servizionline con il modulo contatti sul nostro sito o l’assistenza Inbank al numero 800-837455